Matteo de Brabant

“Mi piace aggregare persone, competenze, attitudini e professionalità in un meccanismo virtuoso, e questo è il motivo per cui partecipo ad ITA2030.”

Ritratto fotografico di Matteo de Brabant, Booster del movimento ITA2030

People driven! Al centro di tutte le mie scelte ho sempre messo le persone, con cui condividere percorsi personali e professionali, sogni e progetti.

Sono un imprenditore di 47 anni: nel 2000 ho fondato un’azienda di marketing digitale, Jakala, il coccodrillo del libro della Giungla, mio nome di quando ero capo scout. Lo scoutismo ha sicuramente caratterizzato il mio cammino ed i valori in cui credo e che cerco di vivere: condivisione, entusiasmo, progettualità e attenzione agli altri.

Con un gruppo di amici scout 18 anni fa abbiamo fondato Arimo, Cooperativa Sociale che si occupa di minori in difficoltà, cresciuta negli anni e oggi realtà di riferimento per il disagio minorile.

A 24 anni mi sono sposato con Emanuela e siamo cresciuti insieme. Ai nostri 4 figli cerchiamo di insegnare a ‘vivere e condividere’ con grinta e passione, e speriamo sappiano seguire i loro sogni con entusiasmo e determinazione.

Amo confrontarmi con gli altri, progettare ed implementare con una sana propensione al rischio e un po’ di leggerezza, la mente aperta all’ascolto e al cambiamento, il focus su crescita, sviluppo e innovazione.

Mi piace aggregare persone, competenze, attitudini e professionalità in un meccanismo virtuoso, e questo è il motivo per cui partecipo ad ITA2030. Credo che il terzo settore abbia un grande potenziale da accendere ed accelerare anche grazie alle competenze del mondo business, che possono completare, senza sostituire, quelle del mondo non profit.

Boosters

La partecipazione dei Booster è una scelta personale che nasce dal desiderio di dare il proprio contributo mettendo a disposizione le proprie competenze. Al progetto ITA2030 prendono parte persone con esperienze consolidate in mondi diversi: dalla cultura allo sport, dalla comunicazione alla tecnologia.